Fotografia naturalistica

J. N. Niepce: Vista della camera a Le Gras, 1826. Il tempo d’esposizione di 8 ore causa l’impressione che gli edifici siano illuminati dal sole sia da destra sia da sinistra.
Il primo successo con la nuova sostanza fotosensibile risale al 1822, con la riproduzione su vetro di un’incisione che raffigurava papa Pio VII. La riproduzione andò però distrutta qualche tempo dopo e la più antica immagine oggi esistente è una di quelle che Niepce ottenne nel 1824, utilizzando una camera oscura nella quale l’obiettivo era una lente biconvessa, dotata di diaframma e di un rudimentale sistema di messa a fuoco. Alle immagini così ottenute Niepce diede il nome di eliografie.
Nel 1829 fondò con Louis Daguerre, già noto per il suo diorama, una società per lo sviluppo delle tecniche fotografiche. Nel 1839 il fisico François Arago descrisse all’ Accademia delle Scienze di Parigi un procedimento messo a punto da Daguerre, che venne chiamato dagherrotipia; la notizia suscitò l’interesse di William Fox Talbot, che dal 1835 sperimentava un procedimento fotografico denominato calotipia, e di John Herschel, il quale sperimentava un procedimento su carta sensibilizzata con sali d’argento, utilizzando un fissaggio a base di tiosolfato sodico.
In questo stesso periodo, a Parigi, Hippolyte Bayard ideò un procedimento originale che faceva uso di un negativo su carta sensibilizzata con ioduro d’argento, dal quale si otteneva successivamente una copia positiva. Bayard fu però invitato, per evitare una concorrenza diretta con Daguerre, a desistere dalla continuazione degli esperimenti.
Lo sviluppo della dagherrotipia fu favorito anche dalla costruzione di apparecchi speciali muniti di un obiettivo a menisco acromatico messo a punto nel 1829 da Charles Chevalier. Tra il 1840 e il 1870 circa si ebbero numerosi perfezionamenti dei processi e dei materiali fotografici:

  • nel 1841 Francois Antoine Claudet diede nuovo impulso alla ritrattistica introducendo lastre per dagherrotipia a base di cloruro e ioduro d’argento, che consentivano pose di pochi secondi;
  • nel 1851 Frederick Schott Archer ideò il procedimento al collodio che si diffuse al posto della dagherrotipia e della callotipia. Tra il 1851 e il 1852 vennero introdotte l’ ambrotipia e la ferrotipia, procedimenti con cui si ottenevano dei positivi apparenti incollando un negativo su lastra di vetro sopra un supporto di carta o panno neri oppure di metallo brunito;
  • nel 1857 comparve il primo ingranditore a luce solare a opera di J. J. Woodward;
  • nel 1859 R. Bunsen e H. E. Roscoe realizzarono le prime istantanee con lampo al magnesio. Le prime immagini a colori per sintesi additiva si devono a J. C. Maxwell (1861), mentre L. Ducos du Hauron ottenne le prime immagini a colori mediante sintesi sottrattiva (1869) e R. L. Maddox introdusse un’importante innovazione: le lastre con gelatina animale come legante.
  • Infine, nel 1873 H. Vogel scoprì il principio della sensibilizzazione cromatica e realizzò le prime lastre ortocromatiche.

    Approfondimento
    La fotografia nella natura (ovviamente riferita al Bosco) cioè alle piante nell’ambiente naturale che non sono coltivate, con le tonalità di colori nelle diverse stagioni, negli ambienti più svariati, di boschi puri o misti, ivi compresi gli animali vivi che non sono addomesticati, che si possono incontrare nei boschi.
    La fotografia naturalistica è allargata alla geologia e tutta la gran diversità dei fenomeni naturali dall’insetto all’ iceberg.
    Le fotografie ad animali domestici o tenuti in gabbie allevati e/o curati, non sono tenute in considerazione e quindi non ammesse ai vari concorsi perché non rispondenti al principio dalla “fotografia naturalistica”. (che modestamente cercheremo di trattare). Le stesse regole ovviamente valgono anche per le piante.
    Un’ intervento minimo dell’uomo e accettabile se non si tratta di temi di natura come per esempio civette di granaio o cicogne che si sono adattati alla civilizzazione umana, o forme naturali come uragani o tempeste che riconquistano la natura.
    La fotografia originale deve essere fatta dal fotografo, meno importante e il procedimento fotografico. Alcuna manipolazione o modificazione dell’immagine deve essere limitata a minimi ritocchi di imperfezioni e il fotografo non può in nessuno caso modificare il contenuto della scena originale.
    Dopo l’adempimento di tutte le condizioni, datevi da fare per ottenere le fotografìe con il più alto livello.

    Inviateci le vostre foto più belle e saranno pubblicate sul nostro sito.

 

tecnica